Seguici sui social

Studio Legale Melina - Iusletter

Torna indietro

CONDOMINIO. Per il rifacimento del tetto pagano tutti i condomini

I proprietari di un’unità abitativa posta al piano seminterrato, fuori dalla proiezione del tetto condominiale, sono tenuti a partecipare alle spese di rifacimento del tetto? Oppure possono considerarsi esonerati, non essendo la loro abitazione coperta dallo stesso?

Il tetto condominiale rientra nell’elenco di quei beni che l’art. 1117 del Codice Civile definisce “di proprietà comune”, indipendentemente dalla circostanza che funga o meno da copertura ad ogni singola unità abitativa.

Pertanto, a meno che il regolamento condominiale disponga diversamente, tutti i condomini sono tenuti a partecipare alle spese di manutenzione e rifacimento, proprio perché da considerarsi bene comune a tutti.

A riguardo si è espressa anche la Suprema Corte affermando, in una recente pronuncia, che le parti dell’edificio in un condominio – quali tetto, muri e tutte quelle opere volte a preservare il buono stato dell’edificio -   rientrano tra le cose comuni, proprio in ragione della loro funzione necessaria all’uso comune.

Ne consegue, dunque, che onere dei condomini sia di partecipare attivamente alle spese di manutenzione e rifacimento dei beni stessi, in misura proporzionale al valore delle singole unità abitative. 

(Cass. sez VI, 7 ottobre 2019, n. 24927) 

 

 

CONDOMINIO. Per il rifacimento del tetto pagano tutti i condomini